0
ViaggiAMO

UN WEEK-END A BORDEAUX CON LE AMICHE

20 Ottobre 2019

Vista la mia irrefrenabile voglia di viaggiare non solo mi faccio regalare viaggi ma li regalo, ovviamente unendomi ai festeggiati. Quest’anno due care amiche hanno compiuto 50 anni…quale miglior regalo un weekend da qualche parte tutte e tre insieme?

Ed ecco che partiamo 4 giorni per Bordeaux!

Bordeaux è un gioiellino francese, di piccole dimensioni, contenuta, con un centro storico visitabile a piedi, perfetta per 4 giorni…un week-end lungo. Pensate che il centro storico è cosi’ bello da essere iscritto ai siti Patrimonio dell’UNESCO. Tutte le sue attrazioni sono facilmente raggiungibili e fruibili in poco tempo, tranne forse il tour a la Cité du Vin.

COME ARRIVARE A BORDEAUX E IN CENTRO

Si raggiunge comodamente con un volo Ryanair di appena due ore. L’aeroporto di Mérignac è collegato al centro della città benissimo da un servizio di autobus ( linea 1) che passa ogni 10 minuti durante il giorno e ogni 20/30 minuti la sera e nei week-end. Il costo è di solo 1,70€ e il biglietto lo potete acquistare alle macchinette automatiche situate davanti alla fermata (terminal 1). Calcolate almeno 50 minuti per arrivare in centro perchè l’autobus, essendo di linea, fa tante fermate durante il tragitto. Con lo stesso biglietto potrete usufruire anche della tramvia e dei battelli che navigano la Garonne. Noi abbiamo girato la città sempre a piedi ma il servizio di tram è preciso e perfetto!

Ma ripartiamo alla scoperta di Bordeaux… se avete voglia di passeggiare in deliziose stradine fra chiese barocche e bellissimi palazzi, assaggiando calde baguette e profumati Cannelés, questa città è giusta per VOI!

ECCO COSA ABBIAMO FATTO…:

1)Visitato Place de la Bourse:

Una delle Piazze piu’ particolari e suggestive che abbia mai visto. Si trova a ridosso del fiume Garonne, cuore cittadino sempre gremito di gente. Qui tutti si divertono, passeggiano tranquilli lungo il fiume o nei meravigliosi giardini che lo costeggiano (ci sono addirittura orti tenuti perfettamente), musica e urla gioiose di bimbi caratterizzano questa Piazza.

Orto Lungo Garonne

I lampioni lungo tutto il fiume sono bellissimi, e di sera si colorano di rosa e di verde, e per chi come noi ha avuto la fortuna di assistere a un tramonto anche questo tutto rosa, si ricorderà sicuramente i lampioni in tinta con il tramonto, come in un bellissimo dipinto di valore…

Qui si trova anche una delle attrazioni più suggestive di Bordeaux, lo scenografico Miroir d’eau, gigantesco specchio d’acqua che riflette le sagome dei palazzi circostanti (sedi governative) e delle persone in cerca di refrigerio in estate e di allegria negli altri mesi…

Fontana delle Tre Grazie situata nel centro della piazza.
@pinterest

Visitate la Piazza di giorno ma anche di sera quando tutto si illumina e si riflette…

2)Passeggiato lentamente per la splendida Rue de Notre Dame :

Non lontano dal nostro appartamento e percorso obbligato per recarsi verso il centro, Rue de Notre Dame nel Quartiere Chartrons,  è stata la nostra prima strada del Venerdì pomeriggio appena arrivate. Successivamente le mattine seguenti abbiamo fatto colazione in un piccolo cafè vicino a una profumata boulangerie a due passi dalla chiesa barocca di Notre Dame.

Rue de Notre Dame è una strada pittoresca, piena di carattere, di antiquari e negozi vintage che consiglio assolutamente di percorrere. In una bella zona residenziale con edifici tipici francesi che ricordano tanto le strade di Parigi.

Chiesa barocca di Notre Dame.

3)Passeggiato per Cours de l’Intendance

Questa larga strada pedonale è ricca di diversi negozi di alta moda, cibo, e dolci che di certo in Francia non mancano. Percorrendo il viale siamo arrivate di fronte alla spettacolare Operà di Bordeaux. Seguendo i binari del tram si raggiunge Place des Quincoines dove potrete osservare l’altissimo Monument aux Girondins.

Operà di Bordeaux
Cours de L’Intendence, Bordeaux

4)Ci siamo letteralmente immerse al Marché des Capucins

Se vi trovate a Bordeaux durante il fine settimana, dovete assolutamente passare il sabato mattina al Marché des Capucins. Tutto il meglio dei prodotti alimentari francesi,con la possibilità di assaggiare sedute a un tavolino sorseggiando un calice di buon vino, ostriche e gamberi freschissimi che provengono dalla vicina baia di Arcachon. Ma non solo, qui si trovano anche un’infinità di formaggi, affettati, patè di ogni forma e dimensione, confetture e marmellate artigianali. Un vero tripudio di colori e odori con in sottofondo il brusio di tantissime persone che si ritrovano per condividere tempo e cibo! Davvero da non perdere…

5)Girellato per il quartiere etnico di San Michele:

Questo quartiere è popolato da mille culture diverse: spagnoli, portoghesi, francesi e magrebini, ce ne accorgiamo subito appena ne varchiamo l’ingresso. Confusione e caos lo caratterizzano proprio come una medina nord africana. E’ pieno di negozi con frutta e verdura esposti per strada e nell’aria l’odore tipico delle spezie fa da padrone…E’ un quartiere di immigrati, a mio avviso uno dei piu’ vivaci e colorati di Bordeaux, ma capisco anche di avere gusti particolari. Quando viaggio spesso mi immergo con immenso piacere nei vicoli che trasudano di vita, tradizioni e miscugli di razze e culture...

La zona è considerata quelle dei mercati rionali ; da quello delle pulci a quello dei vestiti e la domenica mattina antiquariato e collezionismo.

Sempre in questo quartiere abbiamo avuto il piacere di vedere uno tra gli edifici storici più importanti, la Chiesa gotica di Saint Michel, del XV secolo. Svetta con le sue guglie al centro della piazza e vi assicuro che guardandola ci si rende conto di cosa sia la “bellezza”

6)Il lungofiume Garonne con: Bacalan, Cité du Vin e Darwin

Il lungofiume è la vita di Bordeaux…

Siamo partite da Piazza della Borsa e molto tranquillamente abbiamo passeggiato fino ad arrivare al ponte Jacques-Chaban-Delmas o Ponte Bacalan-Bastide, complice anche un ottobre caldo e tratti soleggiato.

Si, nelle foto ci sono nuvole ma questa era la mattina nel pomeriggio è uscito il sole…

Qui fra outlet, grandi marche, ristorantini tipici anche su house boat, ci si immerge in una specie di zona balneare, di svago che non puo’ che mettere di buon umore. Il centro storico è lontano e lo scenario cambia quando arriviamo al Bacalan, tra vecchie gru, case galleggianti, casottini colorati con graffiti e strani dischi volanti che fuoriescono dall’acqua. Qui un mercato al chiuso dentro ad una moderna struttura ci ha tolto il fiato! Sarà che amo i mercati in generale, ma quelli francesi in particolare, sono un tripudio di tutto e ovviamente non ci siamo fatte mancare un’altra sosta culinaria.

Sempre qui si trova la Cité du Vin, bellissima la costruzione moderna quasi come una cattedrale incurvata e arrotondata al cui interno vede esposizioni temporanee e atelier per degustazioni, vigne arrampicanti, immagini in 3D uno shop con oggetti bellissimi e un ristorantino panoramico con una vista mozzafiato sulla Garonne.

Sull’altra riva del fiume passando il ponte “moderno” si arriva a Darwin una sorta di città rivolta alla Green Economy. Situato nel quai des Queyries, tra il ponte in pietra e il ponte Chaban-Delmas, occupa i 10.000 mq di un’ex caserma militare abbandonata. Qui è possibile trovare un ristorante e un market bio, uno skate park coperto, alloggi temporanei per artisti, giganteschi graffiti e un spazio di co-working per piccole imprese che si occupano di grafica digitale, sharing-economy e commercio etico. Insomma un posto particolarissimo, peccato che noi ci siamo arrivate a chiusura…

Sempre da questa parte di lungofiume si trovano tanti localini dove fare ottimi aperitivi a prezzi contenuti. A les Chantiers de la Garonne, per esempio, coi piedi nella sabbia è possibile godere di una vista mozzafiato su Bordeaux e la Garonna, comodamente seduti su sdraio al tramonto…

7) Passeggiato alla ricerca delle Porte di Bordeaux (almeno le piu’ importanti…)

  • Porte de Bourgogne : è una porta storica di Bordeaux situata all’ingresso della città dal ponte di pietra sulla Garonna. La sera veniva illuminata di viola…
Ponte di Pietra
Ponte di Pietra
@pinterest
Porte de Bourgogne
  • Porte d’Aquitaine et l’obélisque de la place de la Victoire: situata all’ingresso meridionale della città, in place de la Victoire.
  • Porte Cailhau , in stile gotico nel XV secolo, inserita nella lista dei Monumenti Nazionali nel 1883 e attualmente uno dei suoi luoghi più suggestivi. Anche questa si trova a due passi dal fiume Garonne.
@Pinterest
  • La Grosse Cloche o Porta di Sant’Eligio è una porta storica di Bordeaux e torre civica dell’antico palazzo comunale, simbolo della città girondina. Il monumento è in realtà un prolungamento della vicina Chiesa di Sant’Eligio, capolavoro architettonico gotico datato XV secolo. Alzando lo sguardo è possibile ammirare l’orologio e il campanile.

8) Visitato il Museo di Arte Contemporanea

Non potevamo andar via da Bordeaux senza visitarlo ma per chi come noi ama l’arte ma un po’ meno quella contemporanea vi consiglio di andarci di Domenica quando l’ingresso è libero.

Durante il periodo del nostro week-end era presente la mostra dell’artista Giapponese Takako Saito artefice di strane “opere vestito…”

ALCUNI CONSIGLI DA NON PERDERE:

Mangiare avocado toast e banana bread al Kitchen Garden
Sedersi su una panchina in Place Pey-Berland ammirando la Cattedrale di St-André e se sarete fortunati potrete assistere a un matrimonio come è successo a NOI
Godersi dopo aver camminato un té Macha in uno dei tanti locali che punteggiano il centro storico magari con una tipica fetta di torta.
Gustarsi la musica che quasi sempre viene suonata davanti alla facciata della magica Chiesa di Saint-Croix, una piccola chiesetta abbaziale cattolica romana

Ed eccoci arrivati alla fine di questo racconto, spero di aver suscitato in voi la voglia di visitare questo gioiellino francese tutto da scoprire semplicemente passeggiando con un calice di rosè in una mano e la cartina nell’altra…

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply