Torte salate

TORTA SALATA ZUCCA E MOZZARELLA FILANTE

29 novembre 2018

Questa torta semplice e gustosa viene realizzata con una base di pasta sfoglia sulla quale andremo ad adagiare un morbido ripieno di ricotta che si alternerà con strati di mozzarella e zucca cotta al forno con origano, aglio e olio!

Se preferite al posto della mozzarella potete usare la scamorza sicuramente renderà la torta più saporita.

AMO le torte salate perchè sono veloci da preparare e risolvono cene anche all’ultimo momento e AMO la zucca che in questa stagione si presta in tante ricette…Perfetta come piatto unico, secondo, salva cena! La torta di zucca salata è ottima anche fredda e il giorno dopo!

Quantità per uno stampo da 22 cm:
1 rotolo di pasta sfoglia
500 gr di zucca (con tutta la buccia)
250 gr di ricotta
250 gr di mozzarella o scamorza
1 cucchiaino di grana
origano
salvia
olio extravergine
sale q.b
pepe (facoltativo) q.b

Pulite la zucca , tagliatela a fettine sottili massimo 4 mm e cuocetela in forno. Potete seguire anche la ricetta delle mezze lune di zucca  aggiungete aromi a piacere. Ho messo in piu’ degli spicchi d’aglio che poi ho tolto perché conferiscono un ottimo aroma! Mescolate la ricotta con pizzico di sale, il grana e il pepe (facoltativo)…

Srotolate la pasta sfoglia in una teglia con tutta la carta da forno, aggiungete la ricotta e uno strato di mozzarella o scamorza a fettine

Aggiungete quindi in circolo le fette di zucca cotte in forno e riempite gli spazi con dei cubetti di mozzarella o scamorza e qualche foglia di salvia. Mettete alla fine per gratinare qualche pezzetto ancora di mozzarella o scamorza.

Cuocete questa meraviglia di torta di zucca salata in forno a 200° per circa 15 minuti. Passato il tempo tirate fuori la torta salata alla zucca , aggiungete la mozzarella o scamorza precedentemente tritata con un coltello, un filo d’olio e un pizzico di pepe. Ultimate con il grill per altri 5 minuti.

Vi assicuro che è buonissima anche fredda il giorno dopo!

 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply