ViaggiAMO

SCOZIA ON THE ROAD- DA ABERDEEN ALLE ORCADI-SECONDA PARTE

24 Marzo 2019

Il nostro tour della Scozia on the road prosegue verso la città di Aberdeen situata sulla costa occidentale. E’ zona di cave di granito, subito ti accorgi che si tratta di una città industriale. E’ infatti soprannominata la “città di granito” perché molti dei suoi edifici sono costruiti con questo materiale.

È anche chiamata “la capitale del petrolio” a causa dei giacimenti che sono stati scoperti di fronte nel Mare del Nord. La cosa curiosa è che possiede due OLD TOWN ed essendo una città marittima con un grande porto sul Mare del Nord è il posto ideale per gustare pesce freschissimo e un ottimo fish&chips

E’ una città universitaria ricca di musei, gallerie d’arte e locali. Se devo essere sincera a me non ha entusiasmato molto ma vi consiglio comunque di farvi una passeggiata. Noi dopo una ricca colazione al Quality Treats
ci siamo incamminati verso High Street e percorrendola fra locali e negozi siamo arrivati ad un piacevole incontro! The Old Town House si apre davanti ai nostri occhi! Questa costruzione presenta il meglio dell’architettura scozzese e viene utilizzata come il logo della società architettonica di eredità della Scozia.


The Old Town House

Ospita oggi il King’s Museum dell’Università ed è punto focale della vecchia Aberdeen e porta d’ingresso per l’Università e il suo affascinante campus medievale.

Visitiamo anche Elphinstone Lawn Parco e Sede dell’Università di Aberdeen

Mappa di: Elphinstone Lawn, High St, Aberdeen AB24 3EE, Regno Unito

Sempre passeggiando tranquillamente e avvolti dal silenzio arriviamo alla St Machar’s Cathedral (Cattedrale di San Macario), la chiesa principale della Chiesa di Scozia ad Aberdeen, situata a nord del centro moderno della città. Adiacente il verdissimo e grandissimo Seaton Park.
Un’oasi di pace e tranquillità super curato con giardinieri sempre a lavoro!

Risultati immagini per seaton park

Seaton Park.
Risultati immagini per seaton park

St Machar’s Cathedral

La Scozia è nota per i suoi castelli e nell’Aberdeenshire ce ne sono oltre 300 tra fortezze, rovine, abitati e residenze storiche. In questa contea c’è la maggior densità di castelli per ettaro di tutta la Gran Bretagna, e molti sono serviti da ispirazione per opere letterarie o sono stati usati come location cinematografiche, come ad esempio il celeberrimo Dunnottar Castle (lo trovate nel post SCOZIA ON THE ROAD prima parte).

Dormiamo in un meraviglioso appartamento Skene House in perfetto stile Scottish con letti morbidissimi e molto comodi…una meraviglia! Divani e tende in tartan con i tipici colori, rosso blu e verde. CONSIGLIATO!

Lasciamo Aberdeen per dirigerci verso Ballater un’ora circa di viaggio percorrendo una strada penso unica la Mondo! Campi immensi di erica rosa colorano tutto a perdita d’occhio…non ci sono tante macchine anzi direi pochissime e la natura è sovrana in tutto il suo splendore. Una cosa che ho notato e che mi ha fatto molto pensare è la pulizia che si trova in zone selvagge e non abitate (ma battute da turisti). Non ci sono rifiuti di alcun genere e ti viene da pensare come sia possibile per km e km trovare ordine e pulizia. Forse davvero il forte senso civico degli scozzesi è talmente radicato tanto da salvaguardare egregiamente il loro territorio anche e soprattutto in zone che devono essere assolutamente tutelate perchè restino incontaminate…

La trovo davvero una cosa meravigliosa…

Arrivati a Ballater è ora di pranzo e veniamo letteralmente rapiti da Bean for coffee una backery a gestione familiare frequentata da gente del posto! Una vera delizia tutto, dal cibo alla location…al personale. Se vi trovate a passare di qui fermatevi per gustare uno dei loro deliziosi piatti!!

Questo piccolo paesino è molto carino ed è dominato dalla sua Glenmuick Church maestosa ed elegante. Ci concediamo una breve passeggiata (anche se il cielo non promette bene) prima di riprendere il viaggio che è ancora molto lungo e pieno di cose da scoprire…

NB: In Scozia il tempo è molto variabile, il sole e la pioggia spesso si alternano nel giro di pochi minuti. Vi consiglio perciò un abbigliamento a strati e sempre giubbotto, cappello e ombrello per ripararsi dalla pioggia.

Percorrendo la A93 e la A97, attraversiamo il Parco Nazionale dei Cairngormsse volete allontanarvi da tutto…stress, preoccupazioni e problemi dovete assolutamente passare da questo parco. La natura qui ha vinto in partenza!Montagne, foreste, sentieri, fiumi, laghi, compongo questo posto che non vi baserà una vita intera per vederlo tutto! Ma basteranno i giorni che deciderete di dedicargli anche solo attraversandolo come abbiamo fatto noi a farvi calare in un senso di pace che vi ripagherà il prezzo del viaggio…DA NON PERDERE QUESTA ZONA DELLA SCOZIA!!!

Ed eccoci arrivare a Dores sede del famoso Lago di Lochness solo una visita e qualche foto per poi spostarci nella vicina Inverness:

C’è chi ancora cerca Nessie….

Inverness è una città situata sulla costa scozzese nord-orientale, dove il fiume Ness incontra il Moray Firth. È la città più grande nonché capitale culturale delle Highlands scozzesi. Il centro storico ospita la cattedrale del XIX secolo, la Old High Church del XVIII secolo e un mercato vittoriano al coperto che vende cibo, abbigliamento e artigianato.

Ci colpiscono i suoi ponti, antico come il Ness Bidge o moderno come il Greig St Bridge, una bella camminata in Bank Street e Huntly Street lungo le sponde del Ness ci permette di visitarla nel tardo pomeriggio prima di gustarsi un delizioso piatto al Encore Bar & Grill

In Scozia come del resto in tutti i paesi del nord europa cenano molto presto. Questo risulta essere un po’ penalizzante sia perchè potresti ancora visitare posti e invece devi per forza fermarti per cenare (alle 22.00 chiudono-tranne i pub ma se avete con voi minorenni non vengono ammessi e non avete tante scelte) sia perchè almeno noi in viaggio, non abbiamo orari stabiliti e spesso pranziamo tardi! Ne consegue che alle 18.30-19.00 non abbiamo ancora fame…

Finiamo il nostro giro al Castello di Inverness struttura in arenaria rossa molto ben conservato.

Dormiamo al Caberfeidh B&B praticamente a casa di ” Trevor e sua moglie Susan Nicol” una sistemazione molto molto semplice, ma vicina al centro e consigliata per gentilezza, accoglienza e per la super “Scottish Breakfast” di Trevor che cucina una specie di pancake detto “schiacciatina scozzese”.  S U B L I M E

Grazie Trevor la tua colazione e gentilezza non ce la scorderemo mai!!!!

Sveglia presto, forza un nuovo giorno ci aspetta!!! Ci dirigiamo verso le tanto sognate Highlands, regione montuosa della Scozia, posta a nord ovest del Regno Unito.

Comunemente descritte come una delle più belle e scenografiche regioni dell’Europa questa area è scarsamente popolata. Montagne, colline, brughiere, laghi, fiordi, remote isole e spiagge incantevoli compongono il quadro di un magnifico territorio, dolce e aspro allo stesso tempo.

Prima tappa la suggestiva Ullapool cittadina di circa 1.300 abitanti che nonostante le sue piccole dimensioni rappresenta il centro abitato più grande nel raggio di vari chilometri. Pensate un po’ voi che atmosfera si puo’ respirare (oltre ovviamente al forte odore di salmastro) in questo luogo incantato dimenticato dal caos.

Passeggiando lungo il suo porticciolo e nelle sue strette viuzze ti rendi davvero conto che si puo’ vivere diversamente! Che lo stress che ci accompagna ogni giorno nella nostra quotidianità a Ullapool non hanno proprio idea di cosa sia!

Sostiamo al The Frigate Cafe dove assaggiamo per la prima volta gli scones, tipiche focaccine dolci o salate. Ottime!!

Attraverso la A835 e A837 riprendiamo a muoverci direzione Faro di Stoe situato sull’omonima penisola e omonimo paese (10 case in tutto…) Fermatevi a mangiare qualcosa da Flossie’s Beach Store un posto veramente fantastico, prima di iniziare la camminata al faro.

Risultati immagini per flossis beach s
Risultati immagini per flossis beach s
Risultati immagini per flossis beach s

La visita al faro ve la consiglio non tanto per il faro in sè ma per tutto cio’ che lo circonda. Scogliere a picco sul mare con prati di un verde inverosimile. La passeggiata è lunghina con salite, discese scale e stradine sterrate. Sarete circondati dalle “pecore scozzesi” che ovviamente usano il manto erboso come WC…attenzione percio’ a dove mettete le scarpe, anche se già ve lo dico in alcuni punti non riuscirete ad evitare i loro escrementi!!

La fatica vale il paesaggio….

Prima di arrivare al faro sempre sulla A837 incontriamo il suggestivo
Ardvreck Castle
o quel che ne resta…in realtà solo un rudere risalente al XVI secolo che sorge su un promontorio roccioso che scende al Loch Assynt, vicino al piccolissimo villaggio di Inchnadamph!

Vale una breve sosta e come sempre qualche foto!

Ci dirigiamo verso le Isole Orcadi passando da Scourie  Durness e Portskerra piccoli villaggi lungo la frastagliata costa. Vi assicuro che i paesaggi valgono la fatica del lungo tragitto. Spiagge di sabbia rosa incontaminate e isolate, si vede solo qualche surfista, si susseguono lungo questo tratto di costa che NON DOVETE ASSOLUTAMENTE PERDERE!

Il nostro affascinante tour on the road prosegue con la visita delle Isole Orcadi passando da tantissime altre destinazioni e poi via verso le Isole Sky…prometto che presto sarà disponibile anche la terza e ultima tappa del nostro Tour. Intanto vi lascio un’anticipazione delle prossime tappe!

FOLLOW US!!!V

Questo viaggio è stato in collaborazione di idee con Katika Travel

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.