0
Lievitati

I NOSTRI BRETZEL DELL’ALLEGRIA

29 Gennaio 2020

Penso ai Bretzel e mi viene alla mente il gesto della condivisione in una giornata fredda, ma fredda sul serio. Che bello viaggiare tutti insieme e come bambini girare in un mercatino attirati dal profumo e dai colori. Come gatti curiosi, con le zampe infreddolite, in cerca di qualcosa di bello e che sia un ricordo di quell’attimo lieto. Il profumo dei Bretzel mi è venuto in contro così, in un inizio d’anno diverso, diviso in crocchio e passato di mano in mano tra amici cari e sorridenti. Tornata a casa ho voluto portare con me questo souvenir di profumi e riempire la casa di odori e momenti belli ed è uno dei modi migliori, per me, di condividere un’esperienza è proprio cucinare.

I Bretzel sono pani salati e decorati da semi croccanti che ci arrivano dalla tradizione tedesca, ma sono tipici del nord Europa come street food invernale, da accompagnare ad un vin brulè (vedi la nostra ricetta) o a un boccale di birra. Facili da preparare, con la loro tipica forma ad abbraccio che ricorda un cuore … il cuore del sorriso dei miei ricordi , che provo a raccontarvi in questa ricetta.


CI SERVIRA’:

  • 300 gr. di farina di Manitoba
  • 200 gr. di farina 1
  • 250 gr. di acqua
  • 12 gr. di lievito di birra oppure 160 gr. di pasta madre
  • 90 gr. di olio evo
  • 1 cucchiaio di malto d’orzo o miele
  • 1 cucchiaino di sale fino


PER LUCIDARE:

  • 2 l. di acqua
  • 30 gr. di sale fino
  • 100 gr. di bicarbonato

PER RIFINIRE:

  • Semi di sesamo q.b
  • semi di papavero q.b
  • Fior di sale ( ho utilizzato quello provenzale, ma un buon sale grosso andrà bene)

Inizio con un consiglio, se volete prepararli con la pasta madre, impastateli la sera prima, così lieviteranno per bene durante la notte, con il lievito di birra si riducono ovviamente i tempi di attesa.

In una ciotola capiente mescoliamo le farine, il malto (o il miele), l’acqua, l’olio e per ultimo il cucchiaino di sale fino. Lavoriamo velocemente fino a formare una palla non appiccicosa e lasciamo riposare coperto da pellicola e da un canovaccio, la notte per la versione pasta madre, al raddoppio con il lievito di birra (un paio di ore in ambiente caldo).

Rilavoriamo l’impasto facendo qualche piega libro e facciamolo riposare ancora una ventina di minuti, poi dividiamo l’impasto a pezzi , io ne ho calcolati circa 8, e iniziamo a formare i Bretzel.

Facciamo dei salami più spessi in centro e lunghi sui lati, poi arrotoliamo tra loro le parti più sottili e chiudiamo le punte sulla parte più spessa a formare il nostro cuore. Lasciamoli lievitare nuovamente per un’ora su un canovaccio sempre coprendoli per non far seccare la pasta.

Ora passiamo alla cottura , si fa in due passaggi. Mentre preriscaldiamo il forno a 200° facciamo bollire i due litri di acqua in una pentola alta e facciamo sciogliere all’interno il bicarbonato e il sale. Lasciando sobbollire, tuffiamo, uno alla volta i Bretzel e facciamoli galleggiare per una decina di secondi facendo in modo di irrorare bene anche la paste superiore. Tiriamo su con una schiumarola e ben scolati appoggiamo su una placca coperta da carta forno.

Formiamo dei tagli sulla parte più spessa e decoriamo con sale grosso, semi di sesamo e papavero.

Inforniamo per 15 minuti circa,facendo attenzione a non abbrustolirli troppo.

Sfornati attendiamo qualche minuto prima di servire, sono eccezionali tiepidi.

Il profumo dei bei momenti alle volte è meglio di una fotografia… che cosa ne pensate?

Un abbraccio di cuore, Monica

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply