0
Dolci

DORAYAKI CON MARMELLATA DI FAGIOLI DOLCI AZUKI

11 Marzo 2020

Recuperiamo le cose buone e sane, mai come in questo momento ce n’è bisogno, ogni cultura ha tradizioni che possono migliorare il nostro stile di vita…

I DORAYAKI (significa “gong”, dalla forma rotonda che assumono in cottura, come il famoso strumento), sono la merenda preferita dei giapponesi e un dolcino veramente sfizioso anche per me. La particolarità di questo panino è la marmellata di AZUKI fatta con fagioli rossi dolci…ma dolci davvero, ricchi di fibre, proteine e poveri di grassi.

A me ricordano la marmellata di castagne sia come consistenza e vagamente nel gusto.

Particolarissimi e golosi.

E così mi sono cimentata nella preparazione dei dorayaki con gran soddisfazione devo ammettere e ho accompagnato tutto con una tazza di te’ matcha… qui si fanno le cose per bene…e soprattutto si pensa sempre “a stare bene”!

Per un vasetto grande di marmellata procuratevi:

  • 300 gr. Di fagioli rossi azuki
  • Zucchero di canna

Lasciare in ammollo i fagioli per una notte intera in acqua e un cucchiaio di bicarbonato.
Il giorno successivo sciacquateli bene, versateli in una pentola ampia e coprendoli di acqua farli cuocere per circa un’ora fino a che la pelle non sarà diventata morbida. Pesate i fagioli cotti e aggiungete metà del loro peso di zucchero di canna (io ne ho usati circa 400 gr per un totale di 800 gr di fagioli cotti). Versate tutto nella pentola già utilizzata e fate sciogliere lo zucchero, sempre mescolando e portando ad ebollizione lenta per 10 minuti. Frullare il composto per renderlo una crema morbida e continuare a cuocere a fuoco lento fino a che non si rassoda. Invasare bollente e una volta sigillato il barattolo far riposare al contrario per permettere il sottovuoto.


I Dorayaki si fanno con:

  • 100 gr. di farina 0
  • 140 gr. di farina 1
  • 150 gr. di zucchero a velo
  • 180 gr. di acqua
  • 2 uova
  • 3 gr. di lievito in polvere per dolci
  • 1 cucchiaino di miele
  • Olio di semi

Setacciare in una ciotola le farine con il lievito e lo zucchero. Aggiungere le uova, il miele e con una frusta o un frullino iniziare amalgamare versando l’acqua poco alla volta. Si formerà una pastella morbida, fare attenzione a non formare grumi mescolando in continuazione.
Scaldare un padellino antiaderente (non troppo grande, ho provato con due dimensioni e quello più piccolo mi ha dato risultati migliori) sporcandolo con olio di semi con un foglio di carta da cucina. Versare un cucchiaio di pastella nel centro e lasciar cuocere a fuoco medio, quando inizieranno a formarsi delle bollicine sulla superficie girare la frittella e far cuocere per pochi secondi dalla parte opposta. Attenzione a non scurire troppo, si bruciano velocemente.

Ora assembliamo il dorayaki come un panino due frittelle e uno strato di marmellata di azuki al centro. Spolverare di zucchero a velo e … se suona il “gong” è un amore di merenda a primo morso!

Buona merenda, Monica

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply