Dolci

CROSTATA ALLE TRE FARINE CON COMPOSTA DI FRAGOLE E CANNELLA

8 Maggio 2019

Io amo parlare di cibo oltre che cucinarlo e amo ascoltare chi mi circonda. Alle volte scopri che non tutto è buono per tutti e che una semplice pizza o biscotto possono essere pericolosi per un intollerante.

Lo spunto mi è arrivato da una collega con una stupenda nipote allergica a latte e uova , e mi sono chiesta come creare un dolce buono e bello senza utilizzare la pasticceria classica?

Ve lo assicuro non è banale…
Ho provato ad unire la farina di nocciole della Cascina Avignone (profumatissima), farina di riso e grano saraceno e la sorpresa all’assaggio è stata esaltante.

Croccante e gustosa e soprattutto a prova di intolleranza e prova di golosi.

Dopo la prima fetta ne è stata chiesta subito una seconda.

Facile, veloce e alternativa.

Spero che la piccola Eleonora la assaggi, l’ho fatta pensando anche a lei…

Ingredienti per la frolla:
80 gr. di farina di grano saraceno
70 gr. di farina di riso
90 gr. di farina di nocciole (io ho utilizzato Cascina Avignone,
100 gr. di zucchero a velo
50 gr. latte di riso
40 gr. olio di semi
pizzico vaniglia in polvere
scorza grattugiata di un limone
mezza bustina di lievito (facoltativo)

Per la composta:
1 kg di fragole
200 gr. di zucchero
succo di un limone
una stecca di cannella
buccia lavata di una mela

Mescolare in una ciotola la farina di nocciole, riso e grano saraceno con la scorza di limone, la vaniglia e lo zucchero. Unire sempre mescolando olio e latte di riso. Lavorare fino ad ottenere una palla compatta e malleabile. Attenzione che non lasci le mani troppo umide, se così aggiungere un cucchiaio o due di farina di grano saraceno. Avvolgere nella pellicola e far riposare in frigorifero per un paio di ore.

Nel frattempo prepariamo la composta, tagliare a fettine sottili le fragole e in una terrina capiente mescolarle con lo zucchero, il succo del limone, buccia di mela e la stecca di cannella.

Cuocere a fuoco medio sempre mescolando per una ventina di minuti.

Lasciar raffreddare…

Stendere la pasta su un foglio di carta forno ad uno spessore di 5/6 millimetri, inserire con delicatezza nello stampo e tagliare la parte in eccesso.

Versare una parte della composta nella crostata e far cuocere a forno caldo a 180° per 25/30 minuti.

Nell’attesa ho rimesso sul fuoco le fragole in composta rimaste e le ho fatte cuocere per 30 minuti fino ad ottenere una bella crema gelatinosa e rossa, ho messo tutto in un vasetto, chiuso e ho girato sotto sopra per creare il sottovuoto, facendola raffreddare. Con tutta quella bontà di fragole una marmellata per la colazione ci stava proprio bene.

Sfornata la crostata e fatta raffreddare decoratela con fragole fresche o mirtilli vi assicuro una bontà e un gusto inaspettatamente goloso.

Fatemi sapere se avete altre curiosità o consigli da condividere.
Ne sarò lieta
Buona merenda
Monica

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.